patologie

Problematiche

Dipendenze

In questo ambito di lavoro le dipendenze (non solo da sostanze) sono intese come un’irresistibile o compulsiva necessità di uno stato emotivo, esperienziale e cognitivo che si può raggiungere con delle sostanze psicotrope o attraverso certi schemi comportamentali che si sono sviluppati come una dipendenza, in relazione ad esempio all’assunzione eccessiva di cibo, come a lavoro, gioco d’azzardo, sesso, internet ecc. ecc.

La dipendenza, così come i sintomi della tossicodipendenza, non è mai un semplice problema di dipendenza individuale, isolato dal contesto e dalle relazioni. Spesso inizia come un’attività sociale e ricreativa portata avanti con altri, ed è incoraggiata e supportata da un gruppo di persone che si trovano in diversi stadi dell’uso, abuso e dipendenza, e diventa una modalità fissa di contatto all’interno di un mondo imploso.

L’esperienza della dipendenza è, da questo punto di vista, un rifugio dalla novità, dal contatto col campo attuale, dalle possibili nuove esperienze. Invece di un graduale sviluppo della sensazione legata all’emergere di un interesse seguito da un processo creativo di problem solving, il paziente dipendente ricerca la sensazione ripetendo uno schema vecchio, già vissuto: agisce, beve qualcosa, gioca d’azzardo, mangia qualche schifezza, assume sostanze ecc. ecc. Il paziente dipendete non vive nessuna novità, semplicemente ripete. L’esperienza del paziente si disperde e si centra sulla preoccupazione di usare o bere o di procurarsi il necessario alla propria dipendenza. Dopo un po’ non accade più nient’altro e la vitalità cala progressivamente.

Il supporto del terapeuta al paziente in questo ambito di sofferenza comprende alcuni interventi tra cui:

  • sostenere il paziente nel provare cose nuove e diventare più creativo nel soddisfare i propri bisogni,
  • lavorare con il paziente focalizzandosi sullo sviluppo della capacità del paziente di essere più in contatto con il proprio corpo e coi sensi in modo da avere informazioni su come entrare in contatto con l’ambiente,
  • ampliare le abilità del paziente nel riconoscere e apprezzare la propria esperienza di sé,
  • fornire un contesto terapeutico accogliente tale da permettere al paziente di potersi assumere le proprie responsabilità rispetto alla propria esperienza, incluse le scelte che il paziente fa e le conseguenze naturali di tali scelte.

Articoli più letti

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione