patologie

Problematiche

Esperienze depressive

L’Organizzazione Mondiale della Sanità stima che la depressione sia al quarto posto tra i problemi di salute più urgenti a livello globale. Colpisce centinaia di milioni di persone in tutto il mondo e nonostante il largo uso di antidepressivi, l’efficacia di questi farmaci resta insoddisfacente. I vissuti depressivi costituiscono un ambito di esperienze molto vario, con differenze anche molto rilevanti al suo interno, che tocca trasversalmente esperienze più o meno gravi e anche vissuti che semplicemente accompagnano i passaggi della vita.

L’esperienza depressiva si caratterizza (con tutte le sue più varie sfaccettature) come un’esperienza in cui la/il paziente fatica a trovare interessi o stimoli o slanci e in cui nulla è rilevante e nulla ha un senso.

Il soggetto depresso (ma questo vale in generale per tutte le sofferenze umane) si fa carico individualmente di un fardello che lo trascende sempre: di un dolore del mondo che gli è stato trasferito nelle relazioni che ha incontrato. Ogni trasformazione che egli riesce a compiere di questa sofferenza in consapevolezza, risorsa, nuovo adattamento creativo o in amore, per quanto piccola sia, cura la sofferenza del mondo intero: egli interrompe la catena del trasferimento della sofferenza attraverso le relazioni e le generazioni e compie un atto fondamentalmente etico. In parole povere si può operare un fondamentale passagio: quello che va dal “dolore alla bellezza”.

In Psicoterapia terapeuta e paziente lavoreranno insieme attraversando vari orizzonti terapeutici affinché la persona possa:

  • sostenere il disagio quanto si presenta,
  • aumentare la consapevolezza dei propri limiti e delle proprie risorse,
  • chiarificare la propria storia e la propria identità integrando le esperienze depressive e maniacali,
  • ridefinire e localizzare i propri vissuti depressivi attraverso il proprio corpo e la parola,
  • mobilitare energie: muoversi e stancarsi fisicamente è infatti sempre una buona esperienza per chi vive esistenze depressive.

Articoli più letti

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione