Io chi sono. Come essere consapevoli di noi stessi ci definisce

08 Settembre 2017
Pubblicato in Arte e Psiche Etichettato sotto

"Mi sento inadeguato", "Non ce la faccio", "Mi fa paura", "Mi mette ansia!". Quante volte ci ripetiamo e ci diciamo queste frasi? In quante occasioni abbiamo affrontato con angoscia e sofferenza compiti di vita quotidiani a casa o a lavoro? Molto spesso infatti non abbiamo chiari tutti gli elementi che sono in gioco e non riusciamo a ridurre tutto questo alla sola e unica domanda che avrebbe senso porsi: "Cosa è interessante per me fare?".

Noi siamo le nostre relazioni, i luoghi che viviamo, i nostri successi e i nostri fallimenti; in sintesi noi siamo le esperienze che facciamo e che faremo. Soprattutto noi siamo il modo in cui classifichiamo e ricordiamo queste esperienze e le emozioni che abbiamo provato mentre le vivevamo.

Quindi: relazioni, luoghi, emozioni. La somma di tutto questo e la capacità di apprendere e "fare nostre" le esperienze passate costituiscono la personalità.

Un altro elemento importante che contribuisce a caratterizzare le nostre esperienze è la nostra provenienza. "Da dove veniamo?" è forse uno dei quesiti più strutturanti per tutti noi. I valori che ci hanno tramandato in famiglia e nei luoghi che abbiamo vissuto, i valori che ci piacciono come quelli che in fondo in fondo ci disturbano, ci devono essere chiari per operare una selezione di volta in volta. Molto spesso infatti siamo spinti in più direzioni diverse e qualsiasi cosa pensiamo di fare sentiamo che "stiamo tradendo" qualcosa o qualcuno. Scegliere con consapevolezza è l'unico modo per vivere senza rimpianti: talvolta agiremo in un senso, tralatra in un altro ma sapremo di aver agito scoccando la migliore freccia che avevamo nel nostro arco.

La personalità di tutti è in questo caso un vero e proprio atto creativo che svolgiamo continuamente: siamo e ci sentiamo tutti un po' artisti, attori, criminali, guardiani, coraggiosi, fieri, impauriti, confusi...e a volte tutto insieme! La consapevolezza è ciò che può tenerci ancorati a un senso: da dove veniamo...dove andiamo. Se siamo consapevoli potremo scegliere le modalità migliori per relazionarci con gli altri e usare le nostre migliori qualità adeguate a quello specifico contesto che stiamo vivendo.

Con una approfondita conoscenza di noi stessi e degli elementi fin qui elencati siamo pronti alla nostra piccola rivoluzione: al "devo fare" e "devo essere" siamo pronti per sostituire "posso fare, posso essere"...o meglio: "scelgo di fare, scelgo di essere" ciò che è interessante e utile per me. In questo senso stare in equilibrio con sè stessi significa portare anche equilibrio all'ambiente che ci è intorno e quindi anche alle persone vicine che ci sono più care. Se cambio io, cambia il mondo intorno a me.

La scoperta di sè, del proprio background e l'aumento della consapevolezza di sè stessi è una splendida avventura che avviene in psicoterapia. I risultati sono stupefacenti così come è sorprendente l'aumento del benessere e della qualità della vita.

Video

Articoli più letti

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione